Un materasso naturale e ergonomico

Siamo tutti consapevoli dell'importanza che ha un buon riposo per la nostra salute, soprattutto in considerazione della vita stressata che facciamo. Ma magari siamo meno sicuri su che materasso serva per raggiungere questo scopo: un materasso duro o uno morbido? uno che "prenda la forma"? uno spartanissimo futon giapponese o un materasso ipertecnologico?
Pensiamo che le caratteristiche di un buon materasso siano due: la prima è che sia confezionato solo con materiali naturali, evitando tutti i sintetici. Le qualità delle fibre naturali sono incomparabili: sono calde come la lana, o fresche come il cotone; consentono la necessaria traspirazione del corpo che, notoriamente, durante il sonno perde parte dei suoi liquidi; favoriscono un maggior rilassamento del corpo, ad esempio è dimostrato che, dormendo con coperte di lana e materassi con lana, si ha un battito cardiaco più regolare. Tutti sperimentiamo il confort di una maglia di cotone o di lana rispetto ad una di sintetico. E uguale deve essere per i materassi.
La seconda è che il materasso sia ergonomico, che cioè favorisca una posizione corretta e rilassata del corpo. Per raggiungere questo scopo è necessario che non sia nè troppo duro nè troppo morbido, ma che abbia l'elasticità necessaria ad "accogliere" il corpo disteso, senza che ci siano zone di compressione. Il lattice naturale é elastico ma anche molto portante, ed adempie bene ai criteri di ergonomicità.